San Vito Chietino (CH)

Via Murata, 42

+39 338 4572819

Sabrina

+39 338 1537242

Agostino

TERRITORIO

La Costa dei Trabocchi è il tratto di litorale dell’Adriatico centrale, esteso lungo la strada statale 16 Adriatica, corrispondente alla maggior parte della costa provincia di Chieti in Abruzzo e caratterizzato dalla diffusa presenza dei trabocchi, antichi marchingegni costruiti sul mare, in legno e reti.

La costa si presenta ricca di tratti diversi fra loro e frastagliati, mostrando notevole varietà nell’aspetto; vi sono infatti tratti di spiaggia bassa e sabbiosa (come a Ortona, Le Morge, Casalbordino, Vasto e San Salvo) e tratti con ciottoli e pietre (a Fossacesia, Torino di Sangro e Vasto), oltre a pezzi di costa alta e rocciosa (a San Vito Chietino, Rocca San Giovanni e Vasto).

La fascia costiera si snoda tra vallate e colline che, terminando sul mare, danno vita a paesaggi e ambienti naturali di vario genere. 

Sulla costa di San Vito si trova il trabocco più antico fra quelli ancora esistenti, quello di Punta Turchino, descritto da Gabriele D’Annunzio nel suo celebre romanzo Il trionfo della morte.

Dal cosiddetto Promontorio dannunziano, dove si trova l’eremo frequentato dal “Vate”, è possibile scorgere un ampio tratto di costa e alcuni trabocchi.

Il paese si trova su uno sperone roccioso che raggiunge i 122 m.s.l.m. (livello del mare), dal cui colle si può ammirare la costa adriatica da un lato e la punta  della Majella dall’altro. Lungo la costa si dirama la frazione di Marina di San Vito, lungo il tratto comunale della strada statale Adriatica dove a pochi passi dal centro di San Vito Marina troverete in collina la nostra Azienda Agricola.

Ai lati del porto vi è un’ampia spiaggia sabbiosa con alcuni stabilimenti balneari, mentre il resto della costa è frastagliato, prevalentemente roccioso, con spiagge caratterizzate da ciottoli. 

Sulla Costa dei Trabocchi è nato il progetto per il recupero di un lungo tratto della ferrovia dismessa Ortona-Vasto-San Salvo (circa 50 km) in un territorio naturalistico e particolare è stato costruito ed è in via di continui miglioramenti una pista ciclabile e pedonale. Al momento esistono un tratto di ciclabile lungo da Ortona a Torino di Sangro, e uno che unisce Vasto Marina e San Salvo Marina. Chiamato Via verde o Corridoio Verde Adriatico, da la possibilità di essere immersi nella vegetazione camminando o passeggiando in bicicletta avendo sempre lo sguardo fisso sul mare.  

Nei dintorni…

Lungo tutta la Costa dei Trabocchi possiamo godere del mare in tutte le sue sfumature e di borghi antichi con punti di interesse storico culturale. Ad Ortona oltre al mare limpido con spiaggia sabbiosa, scogliera verdeggiante e ciottoli si trova la frazione Ripari di Giobbe è composta da 30 abitanti ed è posta su un promontorio che dà sulla costa, sotto il quale vi è una spiaggia a ciottoli bianchi. Essa ospita una spiaggia sottostante che fa parte del litorale nominata nel 2007 con un decreto legislativo area protetta diventando Riserva della Regione Abruzzo. Potrete godere del borgo anche medievale: la cattedrale di San Tommaso Apostolo custodisce le reliquie dell’apostolo. Sono visitabili due Castelli quello Aragonese e quello di Caldora. 

Ovunque nella costa e nei borghi si possono degustare ottimi Piatti della tradizione culinaria abruzzese, ittica e non solo. 

Lanciano città interna rispetto alla costa, si trova all’uscita dell’Autostrada A14 per raggiungere tutti i luoghi di interesse sulla Costa dei Trabocchi da nord e sud. È famosa a livello internazionale per il miracolo eucaristico di Lanciano il quale sarebbe accaduto nella cittadina abruzzese nella prima metà dell’VIII secolo: mentre un sacerdote stava celebrando la messa, al momento della consacrazione l’ostia e il vino si sarebbero trasformati in carne e sangue.

Rocca San Giovanni è il borgo medievale che si trova dopo San Vito, vicino Lanciano ed è all’interno del Club dei Borghi più Belli d’Italia. La Chiesa di San Matteo sita in Piazza degli Eroi, secondo alcune fonti bibliografiche attendibili la chiesa originaria sarebbe stata costruita all’interno del castrum di San Giovanni in Venere. L’edificio medievale copia in dimensioni più ridotte l’abbazia di San Giovanni in Venere.

Fossacesia Bandiera Blu dal 2004, la località è diventata maggiormente nota grazie alla rivalutazione dei Trabocchi. Nel territorio comunale si segnala la presenza dell’Abbazia di San Giovanni in Venere, una delle più importanti e grandiose abbazie d’Abruzzo, situata in alto sul promontorio del golfo di Venere con un panorama mozzafiato.